• Estetista curiosa

Disidratazione

Quante volte ho sentito dire ho la pelle secca eppure bevo, ho la pelle secca ma io non bevo; oppure perché dovrei idratare la pelle con un olio anziché che un gel??

In questo periodo in cui gli sbalzi termici la fanno da padrone la disidratazione epidermica interessa tutti.

Come sappiamo l epidermide contiene una minima percentuale d acqua, che arriva per lo più attraverso la giunzione dermo-epidermica dal derma sottostante. Chiaramente la presenza d acqua si riduce sempre più man mano si arriva agli stati superficiali dello strato corneo, dove i corneociti si distaccano .

Ma L acqua presente nei vari strati da dove arriva?? Da 2 fattori: - La capacità di trattenere acqua chiamata water holding capacity ( WHC) - La barriera protettiva della pelle stessa che si oppone alla perdita di liquidi. 🚰🚰🚰🚰🚰🚰🚰🚰🚰🚰🚰🚰🚰♿️🚰♿️ La pelle che produce automaticamente un film idroacidolipidico chiamato Natural Moistorizing factor (NMF) è composto da una fase acquosa e da una grassa attenuta dalle secrezioni delle ghiandole sudorali e erbacee è da elementi chimici che riescono a trattenere molecole d acqua.

L'NMF è una miscela di sostanze che imbibisce le lamelle corner, è formato per lo più da aminoacidi. La sua presenza sulla cute è fondamentale per mantenere il giusto tasso di umidita impedendo una eccessiva disidratazione conservando elasticità e flessibilità. 🥛🥛🥛🥛🥛🥛🥛🥛🥛🥛🥛🥛🥛 Quando una pelle è ben idratata lo strato corneo è dotato si di acqua data dal ‘NMF e dai liquidi provenienti dalla derma , ma anche da una componente lipidica formata da ceramidi ,colesterolo e acidi grassi che sii oppongono alla perdita/evaporazione d'acqua.

Quando l'equilibrio tra questi elementi viene a mancare per vari motivi la TEWL ovvero la Transepidermal water loss semplificandi l'acqua evapora e la pelle si disidratata.

Ecco perché una pelle può essere disidratata ma anche ipolipica ed ecco perché molto spesso la disidratazione viene migliorata più che con l'uso di creme con l uso di particolari olii vegetali che impediscono parzialmente l'evaporazione o con l'uso di umettanti tipo la glicerina o di acidi che attirano a se l'acqua.

L'idratazione in generale sia esse superiore o profonda serve a mantenere le caratteristiche funzionali di barriere e l'aspetto stesso della pelle.

Mentre l'idratazione profonda è collegata all’invecchiamento delle fibre di collagene del derma ed è influenzabile solo indirettamente (neanche);l'idratazione superficiale data in primis dall’NMF può essere modificata e si ripercuote positivamente sugli strati più profondi con conseguente stimolo del metabolismo e del turn-over cellulare.

L'idratazione cutanea è si un fattore complesso un gioco di equilibrio tra acqua presente nel nostro corpo, umidità esterna regolamentato dal film idro acido lipidico e da quanto riusciamo ad impedire l'evaporazione dell’ acqua stessa ma è importa per la plasticità il turgore dei tessuti in quanto funge da cuscinetto e ammortizzatore.

Per cui bere tanto si aiuta e se è vino buono ancora di più

0 visualizzazioni

© 2023 by FeelGood. Proudly created with Wix.com